Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Un prodotto Angelini

Dolore nell'uomo

Secondo una vecchia credenza gli uomini sono più sensibili al dolore delle donne, ma una ricerca di base ha indicato il contrario

come valutare e trattare il dolore nell'uomo

Il dolore è un'esperienza complessa, nella quale entrano in gioco fattori fisiologici e forti componenti psicologiche e sociali. Non deve stupire, quindi, che possa essere percepito, vissuto e affrontato in maniera diversa negli uomini e nelle donne. Non solo, ma è stato ampiamente dimostrato che alcune condizioni dolorose, soprattutto quelle associate a dolore cronico, hanno una prevalenza differente nei due sessi e che la prevalenza specifica per sesso può variare con l'età. Dare una spiegazione esauriente di queste diversità non è affatto semplice. È molto probabile che alla base vi siano differenze anatomiche e fisiologiche in quelle aree del sistema nervoso che trasmettono, modificano o integrano i segnali nocicettivi. A questo si deve aggiungere che l'uomo e la donna possono differire nella loro esperienza emotiva e cognitiva e nel loro modo di riferire il dolore anche a causa del diverso impatto che possono avere alcuni cambiamenti del ciclo vitale. Un esempio chiaro è rappresentato dalla pubertà, fase attraverso la quale passano sia i maschi sia le femmine, ma con implicazioni molto diverse tra i due sessi, visto che dopo tale evento solo le donne vanno incontro, con il ciclo mestruale, a segnali fisiologici ripetuti nel tempo, talvolta anche dolorosi, che possono avere un effetto di sensibilizzazione sulla percezione del dolore o determinare risposte specifiche che possono venire in seguito generalizzate ad altri tipi di dolore.

Come valutare il dolore nell'uomo. 
Secondo una vecchia credenza femminile, gli uomini sono più sensibili al dolore e lo sopportano meno, tanto che spesso si sente dire che, se il parto fosse in carico all'uomo, la specie umana si sarebbe estinta già da un pezzo. La ricerca di base ha indicato, al contrario, che per molte stimolazioni dolorifiche le donne hanno una tolleranza inferiore. Per esempio, gli esperimenti condotti con il calore hanno mostrato che alle donne basta una temperatura minore per avvertire il segnale doloroso. In realtà, ancora nessuno realmente sa come donne e uomini percepiscano il dolore e come reagiscono a esso; tanto meno sono chiare le cause di diversità, sebbene gli ormoni sessuali, come gli estrogeni, potrebbero ricoprire un ruolo determinante, così come differenti esperienze fisiologiche e patologiche.

 

Vai all'argomento successivo: Dolore nell'anziano

Altri Articoli da "Enciclopedia"