Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Un prodotto Angelini

07/10/2020

News

2 minuti

Lockdown: un sollievo per chi soffriva di emicrania

Un’indagine telefonica ha mostrato che la quarantena forzata ha attenuato i sintomi dolorosi in molti pazienti.

Dal 10 marzo al 3 maggio 2020, gli italiani sono rimasti chiusi nelle proprie abitazioni per il lockdown imposto dall’emergenza COVID-19. L’isolamento forzato ha causato un disagio diffuso, soprattutto tra le persone con una storia di sofferenza psichica o psichiatrica. Ma sembra anche aver indotto un parziale miglioramento delle condizioni fisiche in una specifica categoria di pazienti: quelli che soffrivano di mal di testa. È quanto emerge da un nuovo studio condotto da Italo Parodi e colleghi dell’Ospedale Galliera di Genova su un gruppo di 49 soggetti di età compresa tra 18 e 78 anni (l’età media era di circa 46 anni).

Si tratta di pazienti che il Centro per le cefalee dello stesso ospedale ha iniziato a seguire dal 1° gennaio al 9 marzo 2020 per una diagnosi di emicrania e che sono poi stati ricontattati telefonicamente per valutare, tramite appositi questionari e scale standardizzate, se il disturbo fosse peggiorato o migliorato nei due mesi di quarantena forzata rispetto al periodo precedente. Oltre a ciò, gli autori hanno considerato l’assunzione di farmaci antiemicranici nonché lo stato di ansia e depressione, due condizioni spesso associate al mal di testa.

L’analisi statistica delle risposte ha mostrato, in media, una riduzione dell’emicrania, così come un minor ricorso ai farmaci. I punteggi relativi al disagio psicologico hanno indicato un livello di ansia lieve e un livello di depressione da lieve a moderato, anche se non è stato possibile fare un confronto con il periodo pre-pandemico per mancanza di dati.

Una possibile interpretazione dei risultati, secondo i ricercatori, è che lo stare a casa abbia indotto una riduzione relativa dei fattori di stress connessi al lavoro, limitando il rischio di attacchi di emicrania. La presenza di depressione e ansia potrebbe essere correlata in modo specifico alla pandemia e al lockdown, anche se è emersa un’interazione significativa con emicrania: l’emicrania infatti aveva un decorso migliore nei pazienti con sintomi depressivi più lievi.

 

Fonte

 

Parodi I, Poeta MG, Assini A et al. Impact of quarantine due to COVID infection on migraine: a survey in Genova, Italy.  Neurol Sci 2020; 41(8):2025-2027

 

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7329264/

 

Altri Articoli da "News"