Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Un prodotto Angelini

15/07/2020

News

3 minuti

Smartwork e mal di schiena: come affrontare la situazione

Il lungo periodo di quarantena ha lasciato qualche strascico per chi ha problemi alla colonna vertebrale. La situazione può migliorare correggendo la postura e facendo qualche esercizio fisico.

Il mal di schiena è uno dei disturbi che più limitano la qualità della vita delle persone in tutto il mondo, con un notevole impatto anche sulle attività lavorative e sulla produttività. Lo indicano le stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, il dolore lombare è avvertito dal 60%-70% della popolazione generale nei paesi industrializzati, e l’Italia non è un’eccezione. Secondo i recenti risultati di una ricerca condotta da Assosalute, l’associazione nazionale delle aziende che producono farmaci di automedicazione, a soffrire di dolori posturali è ben il 73% degli italiani. Al primo posto nella classifica dei dolori più diffusi c’è il mal di schiena (49%), seguito da dolori al collo (37%) e dolori alle articolazioni degli arti inferiori (29%).

Ad aggravare una situazione già delicata è intervenuto poi negli ultimi mesi il lungo lockdown per l’emergenza COVID-19, che ha costretto molte persone tra le mura di casa, spesso in una postazione di smartworking approntata per l’occasione. La stessa indagine di Assosalute mostra infatti che quasi un intervistato su due ritiene che in tale situazione il proprio dolore sia peggiorato. A lamentarsi sono soprattutto i più giovani, e l’aggravarsi dei sintomi viene attribuito all’eccessiva sedentarietà del periodo di quarantena e all’attività fisica “fai-da-te” (44%), a posture sbagliate assunte durante i momenti di relax sul divano (34%) e durante lo smartworking (21%).

 

Assosalute ha diffuso anche qualche semplice consiglio che può valere sempre, per mantenere la postura corretta nelle attività in casa:

  • lavorando al PC: mantenere i piedi ben appoggiati a terra, articolazioni a 90°, la schiena appoggiata allo schienale, lo sguardo diretto sulla prima metà dello schermo
  • facendo ginnastica: chiedere la supervisione di un’altra persona che possa segnalare posture scorrette
  • cucinando: cambiare spesso posizione
  • sdraiati sul divano: fare attenzione che il bracciolo del divano non sia troppo alto qualora ci si sdrai con la testa sul bracciolo
  • con i bambini in braccio: alternare spesso il lato su cui grava il loro peso
  • facendo le pulizie: evitare di flettere la schiena e aiutarsi piegando le gambe per raccogliere oggetti pesanti.

 

Chi vuole qualche indicazione in più su esercizi di ginnastica da fare in casa può fare riferimento ai consigli del Politecnico di Kauna, in Lituania, che hanno individuato una serie di semplici esercizi (LINK: https://en.ktu.edu/news/keeping-lower-back-pain-at-bay-exercises-designed-by-lithuanian-researchers-are-3-times-more-efficient-than-usual/ ) per stabilizzare la colonna vertebrale e alleviare così il dolore lombare. In una sperimentazione su 70 volontari, il beneficio portato da questi esercizi ha dimostrato di durare tre volte più a lungo di un diffuso programma di stretching muscolare.   

 

 

Comunicato Stampa Assosalute. Mal di quarantena: il mal di schiena è stato il disturbo più diffuso durante il lockdown, ne ha sofferto 1 italiano su 2

 

KTU University - Keeping lower back pain at bay: exercises designed by Lithuanian researchers are 3 times more efficient than usual

https://en.ktu.edu/news/keeping-lower-back-pain-at-bay-exercises-designed-by-lithuanian-researchers-are-3-times-more-efficient-than-usual/

https://www.clinbiomech.com/article/S0268-0033(19)30617-5/fulltext

Altri Articoli da "News"